Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: na in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\plugins\newsletter\plugin.php on line 674
settembre « 2018 « Aixtud « associazione italiana per la tutela dei disabili e dei diritti
Aixtud
25set/180

Inclusione scolastica: un sondaggio per migliorare la situazione

24 settembre 2018 @ 12:16 - Studio

In primo piano mani alzate di alunni, sullo sfondo immagine sfuocata di un'insegnante«Scuola: purtroppo è sempre emergenza disabilità»: lo aveva denunciato con forza qualche giorno fa la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), su queste stesse pagine, seguita a ruota dall’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o relazionale), che alla stessa FISH aderisce.
Ora la Federazione torna a dare piena visibilità alla questione, tramite un’azione estremamente concreta, che potrà essere estremamente utile in vista dei continui confronti di queste settimane con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.
Si tratta di un sondaggio anonimo rivolto alle famiglie e composto di undici domande, che merita certamente il maggior numero di risposte possibili, oltre a una capillare diffusione.

L’iniziativa viene presentata così dalla FISH: « Si è avviato un nuovo anno scolastico, ma sembra che la reale data di inizio per molti alunni e alunne con disabilità non sia la stessa dei loro compagni. Ancora una volta. La nostra Federazione, purtroppo, raccoglie quotidianamente segnalazioni, denunce, notizie in cui ricorrono: ritardi nell’assegnazione di insegnanti di sostegno, assenza di assistenti all’educazione o alla comunicazione, lacune nell’assistenza igienica. Tutti elementi che incidono negativamente sulla reale inclusione scolastica. Il confronto politico e istituzionale verso il Ministero dell’Istruzione è costante con una pressione da parte nostra affinché quei diritti siano esigibili. Per potenziare dunque l’azione ulteriormente, chiediamo l’aiuto, la vicinanza e la testimonianza delle famiglie degli alunni con disabilità e per questo, anche grazie al supporto tecnico dell’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), abbiamo predisposto un agile sondaggio anonimo (undici domande) rivolto alle famiglie sul tema della reale inclusione scolastica. I dati raccolti verranno utilizzati soprattutto da un punto di vista politico: potranno cioè essere utilissimi nei confronti di queste settimane con il Ministero». (S.B.)

Per partecipare al sondaggio promosso dalla FISH, accedere a questo link.
Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@fishonlus.it.

Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2018/09/24/inclusione-scolastica-un-sondaggio-per-migliorare-la-situazione/

14set/180

Corsa a staffetta con esoscheletro, nel centro di Grosseto

13 settembre 2018 @ 17:22 - Autonomia

Manifesto dell'evento "Robotic Rewalk Race", Grosseto, 15 settembre 2018Già nota anche per l’innovativo progetto di turismo accessibile avviato a Marina di Grosseto e denominato Mare Tutto PoSSSibile, l’Associazione grossetana Tutto Possibile ha lanciato ora il Progetto Grosseto a tutta autonomia, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Grosseto e dell’ASL Sud Est Toscana.
Tale iniziativa prevede l’acquisto, da parte della ONLUS, di due esoscheletri marca Rewalk, da mettere gratuitamente a disposizione delle persone paraplegiche che abbiano i requisiti fisici per utilizzarli. In tal senso, dopo un periodo di training, messo a punto con la collaborazione dei fisioterapisti dell’ASL, adeguatamente formati all’insegnamento per l’uso dell’esoscheletro, i vari candidati potranno utilizzarlo per periodi mensili presso il proprio domicilio.

Per presentare il progetto alla popolazione del proprio territorio, Tutto Possibile ha deciso di organizzare un evento di grande richiamo, come quello che si terrà sabato 15 settembre (ore 16.45-18), intitolato Robotic Rewalk Race, gara ludico/sportiva tra persone con disabilità e “normodotati”, che animerà la centralissima Piazza Dante di Grosseto.
In sostanza, grazie al citato esoscheletro robotico, dieci persone con paraplegia, provenienti da tutta Italia, si misureranno in una gara a staffetta intorno alla piazza, scambiando il testimone con persone “normodotate” e componendo cinque squadre che si diversificheranno tramite i colori delle magliette.
Alla manifestazione presenzieranno tra gli altri il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, il direttore generale dell’ASL Sud Est Toscana Enrico Desideri e una delegazione di rappresentanza della Giunta Regionale della Toscana. (S.B.)

questo link è disponibile il programma completo dell’evento di Grosseto. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@tuttopossibileonlus.it.

Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2018/09/13/corsa-a-staffetta-con-esoscheletro-nel-centro-di-grosseto/

3set/180

Il diritto all’istruzione non puo’ essere limitato da esigenze di bilancio

31 agosto 2018 @ 12:49 - Studio

Dito di bimbo che legge in BrailleIl dito di un bimbo cieco, che utilizza un testo in Braille

«Siamo molto soddisfatti della positiva risoluzione di un episodio che non avrebbe mai dovuto verificarsi. Il diritto all’istruzione, infatti, è un diritto fondamentale dell’uomo e non può in alcun modo essere subordinato a esigenze di bilancio»: così Mario Barbuto, presidente nazionale dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), commenta la soluzione della vicenda riguardante un bimbo padovano di 9 anni, autistico e ipovedente, che si era visto negare la disponibilità dei libri di testo a caratteri tipografici speciali di cui ha bisogno per affrontare l’anno scolastico che tra pochi giorni lo vedrà impegnato in quarta elementare.
La Presidenza Nazionale dell’UICI, dunque, dopo essere venuta a conoscenza di tale situazione, si è rapidamente attivata per mettere a disposizione del bambino i libri scolastici necessari al proseguimento dei suoi studi. E ora i testi sono già in lavorazione presso la Biblioteca Italiana per Ciechi Regina Margherita di Savoia di Monza e saranno pronti al più presto.
«Ci siamo mossi subito – dichiara ancora Barbuto – anche in virtù del protocollofirmato poche settimane fa con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, per far sì che il bambino avesse la possibilità di iniziare l’anno scolastico al pari dei suoi compagni, unico aspetto davvero importante in tutta questa vicenda».
Come ricordato dal Presidente dell’UICI, infatti, quest’ultima ha recentemente sottoscritto un protocollo d’intesa con il Ministero, allo scopo di attuare azioni comuni volte a favorire e garantire l’inclusione scolastica degli alunni e degli studenti con disabilità visiva.
Obiettivo fondamentale di tale iniziativa è quello di offrire al Ministero stesso un interlocutore unico ed autorevole a rappresentanza dell’intera gamma delle prestazioni di sostegno necessarie a garantire il raggiungimento della piena inclusione delle persone con disabilità visiva.

«Oltre ad essere un diritto inalienabile della persona – conclude Barbuto -, sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell’ONU e affermato dalla Costituzione Italiana – il diritto allo studio è cruciale per le persone cieche e ipovedenti, per le quali l’istruzione è uno strumento essenziale attraverso il quale raggiungere emancipazione, inclusione sociale e uguaglianza. Per l’UICI, quindi, è fondamentale che lo Stato si faccia garante di questo diritto anche verso le persone con disabilità visiva, mettendo a loro disposizione tutti i mezzi necessari». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: aspaziani@imageware.it.

Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2018/08/31/il-diritto-allistruzione-non-puo-essere-limitato-da-esigenze-di-bilancio/