Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: na in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\plugins\newsletter\plugin.php on line 674
novembre « 2015 « Aixtud « associazione italiana per la tutela dei disabili e dei diritti
Aixtud
16nov/150

Del diritto e della pena nell’autismo

Stefano - 13 novembre 2015 @ 13:09 - Diritti

Disegno della Giustizia con la sua bilancia

«Un convegno a partecipazione gratuita sul diritto costituzionale, lavorativo e penale nellospettro autistico, dal quale partire per portare alla luce e avviare la discussione su tre aspetti fondamentali, vale a dire il diritto all’autodeterminazione, al fine di migliorare le capacità di scelta e la qualità di vita delle persone autistiche attraverso la loro collocazione giuridica e costituzionale; il diritto al lavoro, ovvero la possibilità di una vita indipendente e di una vera inclusione sociale, per un beneficio reciproco tra persona autistica e società; il diritto penale, strettamente legato all’autodeterminazione e alla capacità e ai limiti della possibilità di intendere e volere nelle persone con disturbi dello spettro autistico»: è questa la proposta dell’Associazione romana Spazio Asperger, che si sostanzierà appunto nel convegno intitolatoDel diritto e della pena nell’autismo. Dalla Costituzione al diritto del lavoro e al diritto penale per esplorare ed incentivare l’autodeterminazione e le implicazioni etiche delle condizioni dello spettro autistico, in programma per domenica 15 novembreRoma (Sala Solferino della Croce Rossa Italiana, Via Bernardino Ramazzini, 31, ore 10).

«Si tratta di un incontro – spiega Davide Moscone, presidente di Spazio Asperger – occasionato tra l’altro dalla recente approvazione della nuova norma sull’autismo, concernente anche i Livelli Essenziali di Assistenza per le persone coinvolte in questi problemi. Alla luce di ciò, infatti, abbiamo ritenuto necessario esaminare e approfondire le implicazioni legali legate alla condizione autistica, implicazioni che non si possono fermare al solo livello assistenziale. Ci proponiamo in sostanza di portare visibilità e di aprire nuove possibilità di elaborazione teorica e pratica intorno ai fondamentali temi dell’autodeterminazione, della scelta, dell’autonomia, partendo dalla Costituzione, fino ad arrivare all’immagine mediatica delle persone caratterizzate dalla condizione autistica». Durante l’incontro, infatti, ampio spazio verrà dato anche a un’analisi dell’immagine distorta spesso dipinta dagli organi d’informazione rispetto allo spettro autistico, ovvero, come sottolinea Moscone, «scienziati geniali e disabili, incapaci della minima consapevolezza, povere vittime di abusi e bullismo, “serial killer” violenti. Ma dove sta invece la verità? Parliamo di risorse importanti per la società oppure semplicemente di persone inabili al lavoro?».
«Se la legge sui Livelli Essenziali di Assistenza va bene – aggiunge David Vagni, vicepresidente di Spazio Asperger – significa che è necessario fare e disfare altre leggi, perché la partecipazione sociale e la salute sono diritti fondamentali per tutti i cittadini di una società civile e abbiamo ancora molta strada da fare. Personalmente credo che l’autodeterminazione sia un diritto e che la società abbia il dovere di porre ogni cittadino nella condizione di poterla esercitare».

Al convegno porteranno il loro contributo rappresentanti delle Istituzioni (Istituto Superiore di Sanità), professionisti di importanti Associazioni ed Enti italiani che si occupano di autismo e anche rappresentanti di Associazioni di familiari, tra i quali Stefania Stellino, presidente dell’ANGSA Lazio, l’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici aderente alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).
Alla tavola rotonda conclusiva, inoltre, è prevista la partecipazione di Adolfo Scalfati, ordinario di Procedura Penale all’Università di Roma Tor Vergata.
L’incontro è aperto a genitori, persone adulte nello spettro autistico, avvocati, giudici, giornalisti, medici, psicologi, logopedisti, psicomotricisti, educatori, pedagogisti, insegnanti curriculari, insegnanti di sostegno, terapisti occupazionali, operatori socio-sanitari, operatori sociali e a chiunque altro possa essere interessato alla materia. (S.B.)

È disponibile il programma completo del convegno del 15 novembre a Roma. Per ulteriori informazioni e approfondimenti:formazione@spazioasperger.it.

Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2015/11/13/del-diritto-e-della-pena-nellautismo/

7nov/150

Il futuro dell’insegnante di sostegno

Stefano - 6 novembre 2015 @ 19:13 - Studio

Insegnante di sostegno con una piccola alunnaAvremo modo, nei prossimi giorni, di soffermarci ancora ampiamente sul tradizionale appuntamento del Palacongressi di Rimini (13-15 novembre), dedicato alla Qualità dell’integrazione scolastica e sociale, la cui decima edizione sarà come sempre curatadal Centro Studi Erickson di Trento.
Per il momento ne segnaliamo l’importante tavola rotonda del 14 novembre, intitolata Iperspecializzazione dell’insegnante di sostegno. Una buona via per la Qualità dell’integrazione?, cui è stato invitato anche il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone e che potrà contare sulla partecipazione di alcuni tra i principali esperti nazionali di inclusione e dei rappresentanti delle varie Associazioni di settore (persone con disabilità, familiari, dirigenti, insegnanti).

«Si tratterà – spiegano dal Centro Studi Erickson – di un confronto a più voci, per riflettere sulla riforma del sostegno, che interessa circa 120.000 insegnanti, quasi 230.000 studenti con disabilità e che da mesi è al centro di un acceso dibattito, scatenato dalla proposta del sottosegretario all’Istruzione Faraone, Norme per migliorare la qualità dell’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e altri Bisogni Educativi Speciali, sostenuta dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e dallaFAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali di Persone con Disabilità)».
«Se infatti molte delle proposte contenute nella bozza del Decreto Delegato – sottolineano ancora da Erickson -, dalla maggiore attenzione alla prospettiva del Progetto di vita, fino alla riflessione sull’evoluzione della Diagnosi Funzionale e sui Livelli Essenziali delle Prestazioni Scolastiche per l’Integrazione, sono sostenute con fermezza da tutti coloro che, nel corso di questi anni, hanno lavorato per promuovere un’inclusione di qualità, altre proposte hanno scatenato un acceso dibattito in rete e sui media, tra cui la separazione della formazione universitaria e delle carriere tra docenti curriculari e di sostegno, che mentre per alcuni incoraggerebbe il meccanismo di delega dai primi ai secondi, minacciando una reale integrazione, per altri, invece – e principalmente per le Associazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie – sarebbe il modo più funzionale per rafforzare le competenze di entrambi e la continuità nella relazione tra l’insegnante di sostegno e l’alunno con disabilità».

Tra coloro che parteciperanno alla tavola rotonda, vi saranno anche “firme” ben note ai Lettori del nostro giornale. Insieme infatti aVincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH, vi saranno Salvatore Nocera, già vicepresidente della stessa FISH, nella quale ricopre oggi il ruolo di Presidente del Comitato dei Garanti, oltre ad essere responsabile dell’Area Normativo-Giuridica dell’Osservatorio Scolastico dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down); Gianfranco De Robertis, consulente legale dell’ANFFAS Nazionale (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale); Dario Ianes della Libera Università di Bolzano, cofondatore del Centro Studi Erickson; Evelina Chiocca, presidente del CIIS (Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno); Giulia Giani (insegnante di Lettere e Latino, specializzata per il sostegno).
E ancora, Daniela Boscolo, insegnante di Istituto Tecnico; Alessandra Cenerini, presidente dell’ADI (Associazione Docenti e Dirigenti Scolastici Italiani); Lucio Cottini, presidente della SIPeS (Società Italiana di Pedagogia Speciale); Giuseppe Desideri, presidente dell’AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici); Paolo Fasce, insegnante di Matematica, specializzato per il sostegno; Paolino Marotta, presidente dell’ANDIS (Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa Centro Studi Erickson (Anna Fogarolo), ufficiostampa@erickson.it.

Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2015/11/06/il-futuro-dellinsegnante-di-sostegno/