Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: na in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\plugins\newsletter\plugin.php on line 674
settembre « 2012 « Aixtud « associazione italiana per la tutela dei disabili e dei diritti
Aixtud
29set/120

Invasioni di campo da parte del TAR?

a cura di Salvatore Nocera*

28 settembre 2012 @ 16:09

Mano di alunno che cancella alla lavagnaCon l’Ordinanza Sospensiva 684/12 del 14 settembre scorso, il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Puglia ha provvisoriamente ammesso alla terza media un alunno (non disabile), che era stato bocciato alla fine della seconda media, rinviando la decisione di merito al mese di luglio dell’anno successivo.
La motivazione adottata dal TAR riguarda il fatto che la scuola non avesse formalmente informato la famiglia sullo scarso rendimento dell’alunno e non lo avesse invitato a frequentare i corsi di recupero che pure erano stati organizzati dalla scuola stessa.

Questo provvedimento fa certamente il paio con la Sentenza del TAR del Lazio 6087/12, depositata il 5 luglio scorso e da noi già ampiamente commentata su queste stesse pagine, che aveva annullato la bocciatura di un alunno con disabilità, a causa dell’assegnazione di ore di sostegno ritenute insufficienti dagli stessi docenti della classe. In quest’ultimo caso si era voluto dare la parola definitiva circa l’illegittimità della bocciatura, senza però chiarire quale dovesse essere la sorte giuridica dell’alunno, e cioè se ci dovesse essere un nuovo scrutinio oppure se automaticamente egli venisse ammesso alla classe successiva in via definitiva, dal momento che lo era stato già in via cautelativa con la sospensiva concessa.
L’attuale Ordinanza del Tar della Puglia suscita ancora maggiori perplessità, perché ha ammesso in via provvisoria l’alunno bocciato alla frequenza della classe successiva, fissando però l’udienza di merito per il mese di luglio successivo, cioè ad anno scolastico concluso.
E qui possono verificarsi varie ipotesi paradossali, come ad esempio che la Sentenza di merito confermi l’Ordinanza Sospensiva, ma che intanto l’alunno sia stato bocciato nella nuova classe; oppure che la Sentenza di merito non confermi la Sospensiva e che intanto l’alunno sia stato promosso dal nuovo Consiglio di Classe.

Si tratta quindi di decisioni giurisprudenziali che possono condurre a situazioni paradossali, sotto il profilo della valutazione del profitto degli alunni, che per legge è invececompito esclusivo della scuola.
Vien da chiedersi, a questo punto, se in casi del genere la Magistratura non debba limitarsi a decidere solo sull’illegittimità dei provvedimenti impugnati e, in caso di accoglimento della domanda di annullamento, se non debba limitarsi a sentenziare esclusivamente sul risarcimento del danno cagionato dal provvedimento all’alunno e alla sua famiglia, senza adottare provvedimenti di ammissione provvisoria o definitiva alla classe successiva, con ciò invadendo il campo di valutazione del profitto, che la legge – come detto – riserva ai soli docenti (Decreto del Presidente della Repubblica – DPR 122/09).

Vicepresidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). Responsabile del Settore Legale dell’Osservatorio Scolastico dell’AIPD(Associazione Italiana Persone Down). Il presente testo riadatta una scheda già pubblicata nel sito dell’AIPD, per gentile concessione.


Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2012/09/28/invasioni-di-campo-da-parte-del-tar/

27set/120

Dedicato agli aspiranti amministratori di sostegno

26 settembre 2012 @ 16:51

Persona con disabilità intellettiva insieme a un giovane amministratore di sostegnoTra i vari progetti promossi in Lombardia nell’ambito di AdS – iniziativa avviata nel 2009, per sostenere la diffusione e il consolidamento dell’amministrazione di sostegno - quello di Milano si chiama Insieme a sostegno, ha per capofila l’AssociazioneOltre noi… la vita e vi aderiscono ad oggi trenta organizzazioni del Terzo Settore, fra cui numerosi coordinamenti, per un totale di oltre sessanta enti che rappresentano tutte le aree della fragilità.
Le finalità di Insieme a sostegno sono la sensibilizzazione della cittadinanza sul tema della protezione giuridica e sulla possibilità di svolgere volontariato in materia, una corretta informazione delle famiglie, dei volontari e degli operatori, una formazione specifica e approfondita e un’opera di consulenza nello svolgimento dell’amministrazione di sostegno, istituto – com’è noto – introdotto nel nostro Paese dalla Legge 6/04 che con la sua flessibilità ha segnato realmente una svolta, superando le assai più rigide forme dell’inabilitazione e dell’interdizione.

In tale quadro, è prevista nel mese di ottobre una nuova iniziativa – organizzata da Oltre noi… la vita in collaborazione con l’ANFFAS Nordmilano (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) – vale a dire il percorso di formazione per volontari e familiari amministratori di sostegno di persone con fragilità, denominato Proteggere con il cuore, che si articolerà su quattro incontri successivi il 2, il 9, il 16 e il 23 ottobre.
Dalla legge alla personaAspetti procedurali dell’amministrazione di sostegnoAspetti gestionali dell’amministrazione di sostegnoI bisogni di protezione giuridica nelle varie aree di fragilità: questi i temi che verranno di volta in volta affrontati, a cura di esperti giuridici e del mondo sociale. (S.B.)

Il percorso di formazione si terrà a Cinisello Balsamo (Milano), presso la sede dell’ANFFAS Nordmilano (Cascina Pacchetti, Via Gran Sasso, 56). Per ulteriori informazioni e approfondimenti: coordinamento@oltrenoilavita.it (Daniela Piglia).


Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2012/09/26/dedicato-agli-aspiranti-amministratori-di-sostegno/

21set/120

Malattie Rare: le opportunita’ e i rischi del web

20 settembre 2012 @ 15:47

Ragazza davanti a un video, che naviga nel webDichiara tutte le proprie intenzioni sin dal titolo scelto (E-Patients, E-Parents, E-Doctors: Le Malattie Rare via web – Opportunità e rischi), l’evento formativo promosso per mercoledì 10 ottobre Roma (Auditorium San Paolo dell’Ospedale Pediatrico bambino Gesù) da Telethon - la Fondazione impegnata sin dal 1990 nel finanziamento della ricerca sulle malattie genetiche – e daOrphanet Italia, componente nazionale del noto consorzio europeo dedicato alle Malattie Rare e ai cosiddetti “Farmaci Orfani”, che raccoglie e diffonde informazioni sulle consulenze specialistiche, sui laboratori di diagnosi, sulle attività di ricerca e sulle varie associazioni di pazienti.

«La Fondazione Telethon e Orphanet Italia – spiegano i promotori dell’iniziativa – hanno voluto unire le reciproche competenze e le proprie reti di contatti per mettersi maggiormente al servizio dei malati e contemporaneamente accreditarsi con la comunità dei pazienti e con quella degli operatori sociosanitari, entrambi stakeholder [letteralmente “portatori d’interesse”, N.d.R.]dei due servizi. L’idea è stata quindi di creare un corso di formazione, dedicato a tutte le persone che abbiano interessi nei confronti delle Malattie Rare, allo scopo di approfondire la conoscenza del web e dei social network come strumenti al servizio di professionisti, associazioni, malati e familiari».
«Il web – proseguono i rappresentanti di Telethon e di Orphanet Italia – consente infatti di diffondere (in senso telematico di “viralizzare”) e condividere le informazioni a costi molto bassi, condizioni essenziali per una comunità con risorse economiche limitate e con la caratteristica della rarità. Ma come e dove formarsi, per saper usare il web consapevolmente? Questo è appunto l’aiuto che la comunità scientifica, giornalistica e informatica vuole dare a questa categoria di pazienti, perché possanouscire dalla solitudine e dall’“isolamento della rarità”, in maniera utile e consapevole». (S.B.)

Per partecipare all’evento formativo – al quale sono stati assegnati quattro-cinque crediti formativi per le figure professionali di Medico Chirurgo (MMG, Pediatria, Genetica Medica, Neurologia, Medicina Interna, Pronto Soccorso, Endocrinologia), Psicologo, Biologo, Fisioterapista, Infermiere Pediatrico, Logopedista, Tecnico della Riabilitazione Pediatrica e Terapista della Neuro-psicomotricità dell’Età Evolutiva – bisogna inviare la specifica scheda d’iscrizione a congressi@opbg.net (Segreteria Organizzativa), che è il medesimo recapito a cui chiedere ulteriori informazioni. Oppure, via fax, al numero 06 68592443.


Articolo stampato da Superando.it: http://www.superando.it

URL di questo articolo: http://www.superando.it/2012/09/20/malattie-rare-le-opportunita-e-i-rischi-del-web/