Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: id in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: std in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\themes\lightword\functions.php on line 323

Notice: Undefined index: na in D:\inetpub\webs\aixtudit\ita\wp-content\plugins\newsletter\plugin.php on line 674
marzo « 2012 « Aixtud « associazione italiana per la tutela dei disabili e dei diritti
Aixtud
21mar/120

Libri di testo: le occasioni perdute del Ministero dell’Istruzione

(di Iacopo Balocco*)
Oltre alla questione irrisolta della mancata accessibilità dei libri digitali e al fatto di continuare a ignorare la "Legge Stanca" sull'accessibilità delle estensioni online dei libri di testo, va ricordato anche come il Ministero dell'Istruzione abbia sconfessato già da tre anni quanto esso stesso aveva stabilito nel 2009, ovvero che il 31 marzo fosse il termine ultimo entro il quale effettuare le adozioni dei testi per ragazzi con disabilità visiva, in considerazione della laboriosità e complessità delle procedure di predisposizione dei testi nei formati previsti. Davvero troppe occasioni perdute!
Uomo con la mano sul volto e un'espressione sconsolata
Sono ormai tre anni che il MIUR (Ministero dell'Istruzione, Università e Ricverca) ha sconfessato la Circolare n. 16 del 10 febbraio 2009, nella quale si indicava la data del 31 marzo come termine ultimo entro il quale effettuare le adozioni dei testi per ragazzi con disabilità visiva, in considerazione della laboriosità e complessità delle procedure di predisposizione dei testi nei formati previsti (punto 3.4).
Recentemente, ad esempio, la Circolare n. 18 del 9 febbraio scorso ha confermato che le adozioni dei testi scolastici «sono deliberate dal collegio dei docenti nella seconda decade di maggio per tutti gli ordini e gradi di scuola».
La "beffa", poi, arriva nel finale di questa stessa Circolare, quando troviamo scritto che: «I dirigenti di istituzioni scolastiche in cui, per il prossimo anno 2012/2013, risultino iscritti alunni non vedenti o ipovedenti, provvederannoimmediatamente a richiedere, ai centri di produzione specializzati che normalmente curano la trascrizione e la stampa in braille, i testi scolastici necessari, al fine di consentire l'acquisizione della disponibilità dell'ente locale in ordine all'assunzione dei relativi oneri [grassetto nostro nella citazione, N.d.R.]».
Immediatamente... Peccato che il motivo dell'anticipo al 31 marzo fosse stato concordato con il MIUR proprio perché era risaputo che nessuno studente disabile visivo aveva mai avuto i libri per tempo con la scadenza di maggio.

Insomma, tra la questione irrisolta della mancata accessibilità dei libri digitali, il mancato anticipo della data di adozione dei testi per favorire il lavoro di trascrizione e il mancato rispetto della "Legge Stanca" [Legge 4/04, N.d.R.] sull'accessibilità delle estensioni online dei libri di testo, il MIUR ha perso un'altra occasione. Alla prossima puntata!

*Curatore del blog «Nuove Tecnologie, Didattica e Disabilità nel Lazio», dal quale il presente testo è ripreso, per gentile concessione, con lievi riadattamenti al contesto.

Sui temi trattati nel presente tetso, suggeriamo anche la lettura - sempre nel nostro sito - dell'ampia trattazione di Maria Grazia Fiore, intitolata Una cultura accessibile non può fare a meno di materiali tecnicamente accessibili (cliccare qui).
Ultimo aggiornamento (Tuesday 20 March 2012 10:14)
16mar/120

Gli ausili informatici a scuola

Se ne occupa l'utile manuale "Il computer di sostegno", curato da Flavio Fogarolo, di cui è uscita in questi giorni la nuova edizione - sempre per i tipi di Erickson - ove una serie di istruzioni dettagliate e aggiornate spiegano come scegliere e agevolare l'utilizzo di ausili informatici nelle attività scolastiche insieme ad alunni con disabilità motorie, visive e uditive, oltreché con difficoltà cognitive e con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA)

Copertina del libro
È stata data alle stampe e pubblicata nei giorni scorsi da Erickson la nuova edizione di Il computer di sostegno. Ausili informatici a scuola (si legga cliccando qui la nostra presentazione della prima edizione, uscita nel 2007), guida dedicata alla scelta, all'utilizzo e all'adattamento dei sussidi e degli ausili informatici, utili a favorire l'apprendimento e l'integrazione didattica degli alunni con disabilità.

Si tratta in sostanza di un prezioso manuale operativo, che ruota attorno a un concetto-cardine, ovvero quello dell'accessibilità dei prodotti informatici. Una serie di istruzioni dettagliate e aggiornate spiegano infatti come scegliere e agevolare l'utilizzo di ausili informatici (computerperifericheprogrammi) nelle attività scolastiche insieme ad alunni con disabilità motorie, visive e uditive, oltreché con difficoltà cognitive e con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA).
L'allegato CD-ROM completa infine l'offerta, con demo di software per la disabilità, video dimostrativi, indicazioni e suggerimenti pratici esemplificati.

In questa nuova edizione del libro, vengono presentati anche i programmi più recenti e le ultime tecnologie compensative per i disturbi specifici dell'apprendimento, come ad esempio ALFa ReaderIperMAPPE. Questi ultimi software - insieme anche a Scrivere veloci con la tastiera - sono stati realizzati per Erickson dallo stesso curatore del libro di cui stiamo parlando, vale a dire Flavio Fogarolo, insegnante di scuola secondaria di primo grado e referente per l'integrazione scolastica degli alunni con disabilità presso l'Ufficio Scolastico Provinciale di Vicenza, che da vent'anni si occupa dell'uso didattico degli ausili informatici. Fogarolo ha collaborato anche con l'INDIRE, l'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica, in particolare per il ProgettoHanditecno, e con il Ministero dell'Istruzione, per la definizione e l'attuazione del Progetto Nuove Tecnologie e Disabilità.
Sempre per Erickson, infine, ha pubblicato anche nel 2010 il libro Competenze compensative. Tecnologie e strategie per l'autonomia scolastica degli alunni con dislessia e altri DSA(S.B.)

Flavio Fogarolo (a cura di), Il computer di sostegno. Ausili informatici a scuola. Nuova Edizione, Spini di Gardolo (Trento), Erickson, 2012, 247 pagine + CD-ROM.
Per ulteriori informazioni: ufficiostampa@erickson.it.
Ultimo aggiornamento (Thursday 15 March 2012 12:54)
14mar/120

Le novita’ su congedi e permessi

Sono state pubblicate nei giorni scorsi, quasi in contemporanea, due lunghe Circolari dell'INPS e del Dipartimento della Funzione Pubblica, che contengono tutte le indicazioni operative riguardanti le nuove procedure stabilite dal Decreto Legislativo 119 del 2011, in tema di congedi parentali e straordinari e di permessi per l'assistenza alle persone con disabilità grave. Questioni di grande interesse, sulle quali il Servizio HandyLex.org ha curato un'ampia ed esaustiva analisi
Particolare di persona in carrozzina
Congedi parentali e straordinari, permessi per l'assistenza a persone con disabilità grave: sono questioni piuttosto importanti quelle toccate dalle novità introdotte lo scorso anno dal Decreto Legislativo 119/11 (Attuazione dell'articolo 23 della legge 4 novembre 2010, n. 183, recante delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi), provvedimento che attendeva, per essere concretamente attuato, le varie indicazioni operative.

Queste ultime sono arrivate nei giorni scorsi, tramite due lunghe Circolari - emanate quasi contemporaneamente - da parte dell'INPS (Circolare n. 32 del 6 marzo 2012) e del Dipartimento della Funzione Pubblica (Circolare n. 1 del 3 febbraio 2012, ma registrata in data successiva), che coordinandosi, infatti, anche con il Ministero del lavoro, hanno concordato i contenuti dei rispettivi documenti, tentando di fornire indicazioni omogenee sia per gli assicurati INPS (in larga misura il settore privato) che per i dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Nel Servizio HandyLex.org, il responsabile di esso, Carlo Giacobini, ha curato un'esaustiva analisi delle Circolari citate (la si legga cliccando qui), esaminando punto per punto tutte le innovazioni, rilevando una sostanziale coincidenza tra i due documenti - pur con qualche significativa differenza - e dividendo la trattazione in: Prolungamento del congedo parentaleLe altre agevolazioni per i minori Il congedo straordinario retribuito (Concetti di "mancanza" e di "patologie invalidanti" Concetto di "convivenza" Concetto di "referente unico") - Cumulo dei permessi e dei congediRicovero, congedi e permessiDurata e computo del congedo"Retribuzione" dei congediPermessi per assistenza a più persone con disabilità Assistenza a parenti residenti oltre i 150 chilometri.
Tutti passaggi, come si può vedere, di notevole interesse, per le persone con disabilità e i loro familiari, la cui elaborazione - particolarmente dettagliata e puntuale - ne suggerisce certamente ai Lettori la consultazione. (S.B.)

Ricordiamo ancora che l'analisi presentata dal Servizio HandyLex.org, di cui parliamo nel presente testo, è disponibile cliccando qui.
Ultimo aggiornamento (martedì 13 marzo 2012 17:36)